martedì 8 aprile 2014

7 punti per l'Europa - Fiscal compact

Buongiorno a tutti,
per proseguire nell'informazione su cos'è l'Unione Europea e su come influisce nella nostra vita di tutti i giorni, riporto qui una spiegazione, il più breve possibile, per chiarire qualche dubbio sul Patto di bilancio Europeo, meglio conosciuto come FISCAL COMPACT. Alla fine del post trovate qualche link per approfondire l'argomento.

Innanzi tutto bisogna specificare che il Fiscal Compact non è una legge europea, né una direttiva. Il Fiscal Compact è un trattato internazionale, firmato dal Consiglio Europeo, ovvero dall'assemblea dei capi di stato e di governo dell'UE.

A differenza di una legge europea, un trattato, per entrare in vigore, deve essere ratificato: ovvero gli organi legislativi di un paese devono promulgare una legge specifica che metta in atto quanto stabilito dal trattato.

In Italia ad esempio è stata promulgato il 14/09/2012 ed è entrato in vigore il 1/1/2013

Non tutti i paesi UE lo hanno firmato: Gran Bretagna e Repubblica Ceca non lo hanno fatto.

Cosa prevede il fiscal compact: cercando di essere il più sintetici possibile

- obbligo del perseguimento del pareggio di bilancio (art. 3, c. 1)
- obbligo di non superamento della soglia di deficit strutturale superiore allo 0,5% del PIL (e superiore all'1% per i paesi con debito pubblico inferiore al 60% del PIL)
- significativa riduzione del rapporto fra debito pubblico e PIL al ritmo di un ventesimo (5%) all'anno, fino al rapporto del 60% sul PIL nell'arco di un ventennio (artt. 3 e 4).
- impegno a coordinare i piani di emissione del debito col Consiglio dell'Unione e con la Commissione europea (art. 6).

Per l'Italia, rientrare del 5% ogni anno sul debito, significa tagliare circa 50 miliardi di euro all'anno, mantenendo il PIL invariato. Siccome nonostante le politiche di austerità, il debito è continuato a crescere, significa che per ridurlo in maniera così significativa dovranno essere fatti interventi pesantissimi, difficili da immaginare.

Si parla infatti di vendere le grandi aziende statali, Poste, Enav, Finmeccanica ecc) Si parla di patrimoniali. Si parla di vendere il patrimonio architettonico.

Il Movimento 5 Stelle si oppone fermamente al Fiscal Compact chiedendo l'immediata abolizione. Entro 5 anni, il Fiscal Compact verrà preso in carico dalla Commissione Europea e potrebbe diventare legge dell'Unione.

Ecco perché sarà importantissimo avere una forte rappresentanza del Movimento al Parlamento Europeo, dal momento che si potrà, in tale sede, modificare o bloccare questo meccanismo.

http://www.european-council.europa.eu/media/639226/10_-_tscg.it.12.pdf

http://it.wikipedia.org/wiki/Patto_di_bilancio_europeo

Informatevi,
perché un cittadino informato è un cittadino libero!